Premio Galeno 2017. “Menzione speciale” per Zepatier® tra i farmaci di sintesi chimica

In occasione del Premio Galeno 2017, svoltosi il 22 giugno scorso a Milano, il farmaco Zepatier® (elbasvir / grazoprevir) candidato da MSD nella categoria “farmaci di sintesi chimica”, ha ricevuto una “menzione speciale” da parte del Comitato di assegnazione del premio.

Il 3 febbraio 2017 Zepatier è entrato nel panorama italiano dei farmaci per l’epatite C, con requisito di innovazione terapeutica, per il trattamento dei pazienti con HCV cronica di Gt 1 e 4. Il farmaco ha dimostrato elevata efficacia clinica nell’ambito di un robusto programma di studi su oltre 2300 persone con HCV, in cui sono stati inclusi anche pazienti difficili da trattare.

Il Board Scientifico del Premio Galeno, Presieduto dal Prof. Pier Luigi Canonico, ha assegnato la menzione speciale con le seguenti motivazioni: "L’innovatività di Zepatier è legata al profilo farmacodinamico e farmacocinetico del farmaco, ed è in linea con l’intensa ricerca nel settore che ha portato negli ultimi anni all’introduzione dei nuovi antivirali ad azione diretta (DAA) in grado di determinare, con meccanismo sinergico e buona tollerabilità, la risoluzione dell’infezione in un numero sempre maggiore di pazienti HCV e di genotipi.

“Il costo elevato dei DAA ha rappresentato un importante problema di sostenibilità per il SSN” – si legge ancora nelle motivazioni - “ Il profilo farmacologico globale di Zepatier, inclusa la ridotta durata della terapia, è stato considerato positivamente per il rapporto costo-efficacia, soprattutto se usato con priorità nei pazienti meno trattabili: quelli con malattia renale di stadio avanzato, co-infezione HIV-HCV, malattie ematologiche ereditarie e tossicodipendenti in terapia sostitutiva con oppioidi”.

“La possibilità di eradicazione dell’HCV migliora la qualità di vita di pazienti e care-givers e riduce anche il rischio di contagio, traducendosi in un beneficio a lungo termine anche a livello della società. Nella fase di sviluppo clinico del farmaco hanno partecipato, come sperimentatori, diversi gruppi italiani.”

Grazie all’introduzione di elbasvir/grazoprevir l’obiettivo eliminazione dell’Epatite C è dunque sempre più vicino, ma potrà essere raggiunto solo attraverso la partnership tra tutti i portatori di interesse coinvolti nella lotta a questa patologia” – ha dichiarato Nicoletta Luppi Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia –“Da anni lavoriamo per questo, supportando la ricerca e condividendo gli sforzi con istituzioni, pazienti e comunità scientifica, con l’obiettivo di mettere a disposizione soluzioni terapeutiche efficaci, semplici e sostenibili. E’ il nostro compito ed è quello per cui continueremo a lavorare”.